Depilazione ed epilazione sono due termini che, molto spesso, vengono utilizzati indifferentemente; in realtà, il loro significato differisce. Con depilazione, infatti, si fa (o perlomeno si dovrebbe fare) riferimento all’eliminazione di quella parte del pelo che emerge dalla cute, mentre con epilazione si indica la rimozione di tutto il pelo, bulbo compreso. Se vogliamo, si può considerare l’epilazione come una tipologia di depilazione, mentre non è possibile il contrario.

Un tipico esempio di depilazione è rappresentato dalla rasatura, mentre un procedimento di epilazione è rappresentato dalla ceretta.

 

 

La depilazione

La depilazione è una pratica estetica o igienica che può essere effettuata meccanicamente oppure chimicamente. Esempi di depilazione meccanica sono la depilazione effettuata con rasoio (a lame o elettrico) oppure quella fatta con dischetti depilatori. Tra i metodi chimici ricordiamo invece la depilazione con creme o saponi depilatori.

La depilazione tramite rasoio è sicuramente un metodo piuttosto rapido e indolore, ma ha lo svantaggio che la ricrescita dei peli è piuttosto rapida; nel giro di un paio di giorni, infatti, la peluria torna visibile. La depilazione con rasoio non è poi sicuramente la tecnica migliore per radere i peli nelle zone cutanee particolarmente sensibili come inguine, cosce e ascelle, aree dove è più probabile che si formino peli incarniti, un disturbo non grave, ma certamente fastidioso. Quando si utilizza un rasoio a lame è necessario associarne l’uso a quei prodotti come creme, gel o schiume, studiati per facilitare lo scorrimento della lama ed evitare tagli e irritazioni. Chi utilizza invece il rasoio elettrico può rendere più confortevole il taglio dei peli cospargendo la cute, prima di radersi, con polveri specifiche.

Altro metodo di depilazione meccanica è quello con i cosiddetti dischetti depilatori (anche depilazione con carta abrasiva); generalmente questa tecnica viene utilizzata per la depilazione delle gambe; prima di iniziare a depilarsi è opportuno detergere le zone interessate con un sapone idratante a pH neutro per poi risciacquarle e asciugarle con cura. A questo punto si prende un dischetto depilatore e si inizia a passarlo, esercitando una leggera pressione, sulle zone da trattare effettuando movimenti rotatori, prima in senso orario e poi in senso antiorario. Terminata la depilazione è consigliabile applicare una crema lenitiva sulle aree depilate per prevenire, o comunque attenuare, l’arrossamento cutaneo. Il dischetto depilatorio va poi deterso con acqua tiepida e fatto asciugare (da evitare l’uso del phon). I dischetti depilatori, acquistabili nelle profumerie, nelle erboristerie e nei supermercati, sono poco costosi e abbastanza efficaci, ma i risultati hanno breve durata (3-4 giorni al massimo).

depilazioneLe creme o i saponi depilatori agiscono invece indebolendo la struttura della cheratina e permettendo una facile asportazione dei peli tramite un successivo lavaggio. Al pari delle altre metodiche citate in precedenza, anche la depilazione tramite crema depilatoria non consente una depilazione particolarmente duratura; i peli, infatti, ricresceranno nel giro di pochi giorni.

È buona norma, durante l’applicazione del prodotto, indossare guanti protettivi.

Dopo la depilazione chimica è necessario un lavaggio accurato delle zone trattate perché queste creme tendono a lasciare un cattivo odore; è opportuno utilizzare un detergente a pH acido per ripristinare il naturale pH della pelle (le creme depilatorie sono prodotti con pH basico). Terminato il lavaggio è consigliabile l’applicazione di una lozione lenitiva a pH neutro o leggermente acido. Chi sceglie di utilizzare la depilazione chimica deve inoltre fare bene attenzione a rispettare i tempi di applicazione del prodotto ed evitare che esso venga a contatto con gli occhi e con il viso.

La depilazione chimica non è indicata per coloro che soffrono di disturbi cutanei o che presentano lesioni cutanee di qualsiasi genere. Un ultimo consiglio va a coloro che utilizzano questo metodo per la prima volta; è buona norma, prima di procedere con l’applicazione del prodotto sulle zone da depilare, effettuare una prova di tollerabilità su una piccola porzione di pelle per assicurarsi che il prodotto non provochi reazioni di tipo allergico.

 

 

L’epilazione

epilazioneL’epilazione, come detto, è una tecnica che consiste nella rimozione di fusti e bulbi piliferi. Esistono diversi metodi di epilazione; quelli più noti sono l’epilazione con ceretta, l’epilazione con luce pulsata, l’epilazione tramite epilatori elettrici, l’epilazione con pinzette e quella tramite diatermocoagulazione.

La ceretta è una metodica di epilazione molto utilizzata, in particolare dal sesso femminile. Rispetto ai metodi di depilazione riportati nel paragrafo precedente ha il vantaggio di risultati più duraturi (a seconda dei casi si va dalle due alle quattro settimane). Il problema principale è rappresentato dal fatto che tale tecnica non è indolore, in particolar modo se la peluria da rimuovere è abbastanza folta. L’epilazione con ceretta può essere effettuata sia presso centri estetici sia in ambiente domestico. Ne esistono due tipologie: ceretta a caldo e ceretta a freddo. Ulteriori informazioni e consigli su questa tecnica epilatoria sono disponibili nel nostro articolo Ceretta.

L’epilazione con luce pulsata funziona tramite uno strumento che trasferisce energia alla melanina contenuta nei peli e nelle radici piliferi inibendo la ricrescita. Quanto più i peli sono scuri, tanto maggiore è la quantità di luce che viene assorbita. Gli apparecchi che funzionano con questa tecnica sono piuttosto costosi (si va dai 200 agli 800 euro circa). Molti sono gli interrogativi sulla reale efficacia degli epilatori a luce pulsata; non sempre, infatti, i test effettuati da organismi indipendenti sono risultati convincenti. Questo tipo di epilazione, peraltro, non è per tutti; in soggetti con un determinato fototipo il trattamento non è per niente efficace (è per esempio il caso di chi ha peli biondi, rossi, bianchi o grigi). In linea generale, gli epilatori a luce pulsata danno il meglio di sé in soggetti che hanno carnagione chiara e peli scuri e fini. I risultati su gambe e inguine sono spesso soddisfacenti, mentre l’epilazione delle zone ascellari è più complessa e di maggior durata e i risultati non sono sempre all’altezza delle aspettative.

Si deve considerare inoltre che si deve fare una certa attenzione alle zone cutanee nelle quali sono presenti nei, lentiggini, macchie cutanee di altro tipo, tatuaggi, vene varicose, cicatrici ecc. Il trattamento con luce pulsata va evitato inoltre da coloro che assumono farmaci o sostanze fotosensibilizzanti (per esempio la pillola anticoncezionale o certi farmaci ad azione antinfiammatoria); altre controindicazioni al trattamento in questione sono relative ai soggetti affetti da determinate patologie (diabete, LES ecc.). Tra gli effetti collaterali dell’epilazione con luce pulsata si riportano l’arrossamento della cute trattata, secchezza e scolorimento cutaneo, infiammazione, dolore ecc.

Gli epilatori elettrici sono invece apparecchi dotati di testine con dischetti o molle che catturano i peli rimuovendoli dai follicoli. Un epilatore elettrico va praticamente usato alla stregua di un rasoio elettrico, facendolo quindi scorrere nelle aree che devono essere liberate dalla peluria superflua. Molto efficace per l’epilazione delle gambe, l’epilatore elettrico risulta meno adatto all’epilazione di zone più delicate come ascelle e inguine. Prima di procedere all’epilazione con questo strumento è consigliabile fare un bagno o una doccia calda per favorire la dilatazione dei bulbi piliferi; ciò renderà più semplice e meno fastidiosa la rimozione dei peli.

L’epilazione con pinzetta è un metodo efficace, ma ha il difetto che si devono estirpare i peli a uno a uno. È quindi utile per trattare aree limitate (zona delle sopracciglia, zona di crescita dei baffetti, zona intorno ai capezzoli ecc.). È sicuramente opportuno, dopo il trattamento con la pinzetta, disinfettare la zona interessata.

L’ultima metodica di epilazione che analizziamo è quella della diatermocoagulazione (anche epilazione con ago). L’operatore estetico introduce nel follicolo un elettrodo a forma di ago con il quale distruggerà il bulbo; il pelo viene successivamente asportato con le pinzette. La tecnica è sicuramente efficace, ma richiede tempi molto lunghi e a seconda delle zone da trattare potrebbero essere necessarie più sedute (il cui costo singolo si aggira sui 50 euro circa). Di norma si utilizza questa metodica per la rimozione dei peli da viso, pancia e areola mammaria. Chi decide di sottoporsi a una seduta di diatermocoagulazione dovrà sicuramente armarsi di molta pazienza e sopportare anche un po’ di dolore. È oltremodo importante affidarsi a centri affidabili perché se ci si imbatte in un operatore poco abile c’è il rischio che il trattamento sia causa di piccole inestetiche cicatrici.

 

 

  • APRI IN FRANCHISING

    Veronica Damico
    RESPONSABILE FRANCHISING
    Studio Ruggieri & Ruggieri
    Via G. Bovio, 54 | Bisceglie
    Cell. 392 4812645
    Tel. 080 3968032

    Lun. - Ven.: 08:00 - 21:00
    Sa.: 08:00 - 14:00

  • APRI IL TUO CENTRO EPILSTOP

    • Compila il modulo contatti





      Nome*

      E-mail*

      Telefono*

      Città*

    ruggieri-e-ruggieri-logo copia